venerdì 30 aprile 2021

La mia strana collezione

Salve a tutti ragazzi e ragazze, oggi volevo parlarvi di una mia strana collezione che si è formata nel corso degli anni. All'inizio quasi involontariamente ma, pian piano, si è trasformata in una vera e propria mania.
Ecco a voi la mia strana collezione di numeri 1 di Bleach!


Ad oggi la mia collezione di numeri 1 di Bleach conta nove pezzi ma andiamo con ordine e vediamo nello specifico ogni singolo elemento di questa atipica collezione.

Tutto iniziò col primo numero dell'edizione italiana Gold Deluxe, edita da Planet Manga - Panini Comics, presa nel book store di un cinema più o meno a maggio 2009, periodo d'uscita di quel volume nelle librerie e fumetterie italiane. Da lì iniziò la mia grande passione per Bleach, il manga capolavoro di Tite Kubo di cui acquistai tutti gli albi (in edizione Gold Deluxe) fino alla recente conclusione con il numero 74 nell'ottobre 2019. 

Bleach n.1 ed. italiana GOLD Deluxe

Durante le vacanze estive del 2011 andai a Londra e girovagando per le stradine della capitale inglese mi imbattei in una fumetteria. Ovviamente, essendo appassionato di fumetti, decisi di entrare e curiosare un po' in giro finché trovai il numero 1 di Bleach in inglese ma con una particolarità, era l'edizione statunitense edita dalla VIZ Media. Certo, la lingua è la stessa e agli abitanti d'oltremanica conviene importare un'edizione bella e pronta che pubblicare un'edizione specifica per la loro nazione e quindi, a fianco al prezzo in dollari USA e dollari canadesi, è presente un'elegante etichetta col prezzo in sterline che ho deciso di lasciare in ricordo del mio viaggio.

Bleach n.1 ed. USA

Ormai ero già dentro al tunnel e me ne ero reso conto! Così quando una coppia di amici, a fine 2011, andò in Giappone e mi chiese cosa volessi come souvenir la risposta possibile era una soltanto: il numero 1 di Bleach in edizione giapponese, pubblicato dalla mitica Jump Comics della Shueisha. E così fu! Tornati dal loro viaggio mi portarono una copia del manga in lingua originale, uno dei pezzi a cui tengo di più della mia collezione.
Fatto strano è che un paio d'anni dopo (a maggio 2013) andai pure io in Giappone e, avendo già la copia del numero 1, decisi di acquistare l'ultimo volume uscito all'epoca, ossia il 58.

Bleach n.1 ed. giapponese

Nel dicembre dello stesso anno (2011) decisi di festeggiare il capodanno nella capitale francese e quindi una tappa in una delle più grandi librerie parigine era d'obbligo, ovviamente, col non troppo velato obiettivo di trovare una copia del numero 1 di Bleach in edizione francese edito dalla Glenat. La ricerca fu molto rapida e indolore e tornai a casa vittorioso con la mia copia in lingua francofona.

Bleach n.1 ed. francese

Ormai la mia collezione era famosa tra parenti e amici ma rimase ferma per diversi anni, fino a quando la mia ragazza andò in ferie a Barcellona nell'agosto del 2017. E così, senza dirmi nulla, mi portò a casa ben due numeri 1 di Bleach, l'edizione spagnola edita dalla Panini Manga e, fatto eccezionale di cui non conoscevo i retroscena, la versione catalana edita dalla Glenat. Dopo questo il mio sogno è pubblicare almeno il numero 1 di Bleach in dialetto veneto!

Bleach n.1 ed. spagnola

Bleach n.1 ed. catalana

Nonostante fossi stato già diverse volte oltralpe la mia ricerca non aveva mai dati buoni frutti. La volta che mi avvicinai di più fu nell'estate del 2013 quando trovai in una libreria di Innsbruck il numero 2 di Bleach. Ma no, non andava bene, volevo il numero 1! E dovetti aspettare fino al novembre del 2017 quando andai in tour in Germania con la mia band e, in una bellissima fumetteria a due piani di Norimberga, trovai finalmente l'edizione tedesca edita dalla TOKYOPOP. Anche in questo caso volevano cacciarmi su anche il numero 2, non deve andare proprio forte in quelle zone.

Bleach n.1 ed. tedesca

Nei primi mesi del 2018 però sentivo che mancava qualcosa. Certo, la mia collezione è ben distante dall'essere completa nonostante le numerose perle che può vantare, e mi resi conto che non serviva guardare fuori i confini nazionali per aggiungere un nuovo tassello. La folgorazione la ricevetti durante una capatina in una libreria vicino a casa ben fornita anche di fumetti, manga e comics. Era lì davanti a me, quasi mi guardava e mi chiedeva a gran voce di essere portato a casa, era proprio lui, il numero 1 di Bleach italiano in edizione standard sempre edito dalla Planet Manga - Panini Comics.

Bleach n.1 ed. italiana standard

Come dicevo prima, la mia collezione è famosa tra amici e parenti, e mia madre, che abita a L'Aia già da diversi anni decise di farmi dono del numero 1 in edizione olandese edita dalla Kana. La storia narra che si recò in una polverosa fumetteria e, senza spiccicare una singola parola in olandese, mostrò una foto della mia collezione al venditore che capì al volo cosa volesse. Un paio di giorni più tardi tornò in negozio ed uscì con l'ultimo pezzo (per ora) della mia collezione.

Bleach n.1 ed. olandese

Come dicevo, sono ben consapevole che la mia collezione è ben lontana dall'essere completa e, anzi, ci sarebbe anche un'altra edizione italiana (la cosiddetta White Edition) su cui devo mettere le mani. Ma.. tempo al tempo! Spero si possa finalmente tornare a viaggiare in modo che io stesso (o, perché no, i miei amici) possa girare il mondo e acquistare nuovi pezzi.
Vi lascio con una carrellata di immagini che ritraggono la presentazione di Rukia in tutte le lingue e, detto questo, vi saluto e vi ringrazio! Alla prossima, ciao!!!





Nell'ordine: italiano, inglese, giapponese, francese,
spagnolo, catalano, tedesco e olandese.


Nessun commento:

Posta un commento